Segui il ritmo della Mongolia nei sorprendenti panorami, vivi esperienze inusuali, o lasciati sorprendere da questi intrepidi cavalieri che sono i mongoli, degni eredi di Gengis Khan, guerriero che ha fatto tremare tutto il vecchio continente!

Abbiamo selezionato per te 4 motivi per intraprendere un viaggio in Mongolia memorabile!

Vivere in una yurta

Luminoso microcosmo, la yurta è parte della cultura mongola. Durante un soggiorno in Mongolia, di sicuro ti capiterà di dormirci. Al centro, la stufa, oggetto indispensabile per vivere nella natura. Sia in estate che in inverno, la stufa è sempre in funzione, perché gli inverni sono glaciali, e le notti d'estate sono piuttosto fredde. Vivere in una yurta è anche assistere allo spostamento dei nomadi. Una volta smontata, le pelli di renna e gli assemblaggi in legno che la compongono, devono essere perfettamente stipati su un camion.

Ammira i mongoli lanciarsi al galoppo più sfrenato.

Un mongolo senza cavallo? Impossibile. Ogni mongolo che si rispetti sa andare a cavallo e sa lanciarsi nella steppa ad una velocità che sfida quella del muro del suono! I bambini, alti nemmeno tre mele, saltano a cavallo e partono in una corsa sfrenata! Durante il Naadam Festival, si svolgonomolti giochi, in particolare corse di cavalli, ed è incredibile vedere i Mongoli nel loro abito tradizionale, a cavallo, lanciarsi in un corsa sfrenata per diversi chilometri.

Alla scoperta della strada dei nomadi

Che gioia, durante un viaggio in Mongolia, andare incontro ai nomadi che abitano queste terre desertiche da secoli. Popolo molto accogliente, i mongoli sembrano molto ospitali e sempre pronti ad invitarti nel loro mondo. Un mondo dove gli animali hanno un posto importante (dal momento che i nomadi sono pastori), e che non mancheranno di sorprenderti, soprattutto gli yak, animali davvero affascinanti! Ma questo esotismo nasconde una realtà meno affascinante: il nomadismo è una vita dura e non ci si improvvisa nomadi così facilmente!

Goditi l'immensità della Mongolia

Chi non ha sognato disentire l'impulso della libertà che proviene dalla vastità dei paesaggi mongoli? Capelli al vento, cavallo al galoppo: un senso incredibile di follia e libertà. Nessun limite, niente all'orizzonte, paesaggi in lontananza che regalano un deserto di sfumature, un mix di colori, dove il silenzio regna sovrano. Ma il silenzio, anche in una steppa senza strade e senza case, non sarà mai assoluto: fai attenzione, allunga l'orecchio, e sentirai il suono familiare dell' habitat della fauna selvatica. In definitiva, si tratta di un bel ritorno alle origini, che permette di rendersi conto della forza di questa natura, che noi cittadini, a volte, tendiamo a dimenticare.

1° GIORNO

ITALIA – MOSCA - ULAANBAATAR (-/-/-)

Partenza dall’ Italia con volo di linea Aeroflot via Mosca. Pernottamento a bordo.

2° GIORNO

ULAANBAATAR (-/L/D)

Arrivo a Ulaanbaatar in mattinata e disbrigo delle formalità doganali. Incontro con la guida locale e trasferimento all’Hotel Bayangol **** o similare. Inizio delle visite di Ulaanbaatar, capitale della Mongolia ed unica grande metropoli del paese: il Monastero Buddista di Gandantegchenling, del 1838, il più grande della Mongolia, all’interno sorgono splendidi templi, fra cui il Migjed Janraisig del 1911, che ospita la statua della Bodhisatva della compassione, rivestita d’oro e alta 26 m.; il Museo di Storia Nazionale, che raccoglie reperti provenienti da tutta la Mongolia e dal Centro Asia che vanno dall’Età della Pietra ai nostri giorni; la grande Piazza Sukhbaatar intitolata all’“eroe della rivoluzione” del 1921 che dichiarò l’indipendenza dalla Cina, un incredibile miscuglio di edifici di diversi stili, nel cuore della capitale. Pranzo in ristorante locale. Nel pomeriggio proseguimento del programma di visite con il Palazzo-Museo Bogd Khaan, già residenza invernale dell’ultimo Khan Mongolo Bogdo Gegeen, che regnò fino al 1924, dove al suo interno è possibile ammirare l’esposizione dei regali portati al Khan dalle delegazioni straniere. Si termina con il Memoriale alle vittime della guerra sulla Collina Zaisan per una veduta panoramica su Ulaan Baatar. Rientro in albergo per la cena e il pernottamento.

Nota: in base alla compagnia aerea scelta l’orario di arrivo ad Ulaanbaatar potrebbe variare, le visite di questa giornata potrebbero essere distribuite nei giorni successivi.

3° GIORNO

ULAANBAATAR – DESERTO DEI GOBI, KM 260 (B/L/D)

Prima colazione. Partenza al mattino per la regione centrale del Deserto dei Gobi, vero e proprio patrimonio dell’umanità, considerato dall’UNESCO “Riserva della biosfera”: il tragitto di 260 km i copre in circa 4 ore e 30 minuti Lungo il percorso si ammirano le Montange Zorgol Hairkhan e sosta presso l’interessante formazione rocciosa di origine gratica di Grazriin Chuluu, nei pressi dell’omonimo lago e successivament si visitano le rovine del piccolo monastero Sum Khukh Burd, X secolo, al centro del piccolo lago Burd. Pranzo al sacco. Cena e pernottamento nelle Ger, tradizionali tende mongole, al campo turistico.

4° GIORNO

DESERTO DEI GOBI (B/L/D)

Prima colazione. Il viaggio prosegue verso sud: si percorreranno in totale 450 chilometri, in un paesaggio unico al mondo. Sosta per la visita al Monastero Sangiin Dalai presso Erdenedalai: conosciuto anche come Monastero Gimpil Darjaalan, contrariamente ad altri monasteri non fu distrutto negli anni ’30, ma adibito a magazzino fino al 1990 quando riprese la sua funzione originale. Pranzo al sacco in corso di trasferimento. In serata arrivo al campo turistico e sistemazione nelle tipiche ger. Cena e pernottamento.

5° GIORNO

DESERTO DEI GOBI: VALLE DI YOL E KHONGORIIN ELS, KM 200 (B/L/D)

Prima colazione. Al mattino escursione alla Valle Yol, conosciuta anche come Valle delle Aquile: un’occasione irripetibile per fotografare un panorama memorabile ove si staglia il Ghiacciaio dei Gobi. Visita al Museo che raccoglie testimonianze sulla vita animale e vegetale nella Valle. Pranzo pic nic all’interno della riserva naturale. Proseguimento per le dune di sabbia di Khongoriin Els, note anche come le “Dune Cantanti”, con possibilità di esplorare la zona con passeggiate a piedi o a dorso di cammello. Visita ad una famiglia di allevatori di cammelli per un’occasione di conoscenza degli usi e delle tradizioni locali. Sistemazione in campo turistico nelle tipiche ger: cena e pernottamento.

6° GIORNO

DESERTO DEI GOBI: BAYANZAG – ONGYIN KHIID, KM. 300 (B/L/D)

Sveglia presto al mattino e prima colazione. Oggi inizia il viaggio verso Karakorum. La prima tappa del lungo tragitto saranno le cosiddette “Rocce Fiammeggianti” (Bayanzag): area particolarmente interessante per i ritrovamenti di resti di dinosauri effettuati dal paleontologo Roy Chapman Andrews. Pranzo in un campo nei pressi di Bayan Zag. Proseguimento per Ongyiin Khid: cena e pernottamento nelle tipiche Ger presso un campo turistico.

7° GIORNO

ONGYIN KHIID – KARAKORUM, KM. 250 (B/L/D)

Prima colazione. Al mattino visita del Monastero Ongyin. Fondato nel 1660 lungo le rive del fiume Ongiin Gol, questo era originariamente il più grande monastero buddista in Mongolia e consisteva in due complessi templari: il complesso meridionale contava diversi edifici amministravi e 11 templi, quello settentrionale, costruito nel XVIII sec. contava 17 templi. All’interno si contava anche 4 università buddiste e nell’insieme vi abitavano circa 1000 monaci. Negli anni ’30, durante la dittatura comunista, la maggior parte dei monaci furono arrestati e il Monastero fu distrutto: alcuni monaci per sopravvivere si “reinventarono” contadini e operai. Col tempo il fiume Ongiin Gol, le cui acque furono deviate per utilizzate per le miniere locali, si prosciugò e l’area venne abbandonata: il monastero sembrava destinato a morire definitivamente. Tuttavia dopo l’Indipendenza della Mongolia, negli anni ’90, tre monaci tornarono qui e iniziarono a ricostruire il Monastero dalle proprie rovine, riportando così in vita questi luoghi e soprattutto la religione buddista in Mongolia. Pranzo in corso di escursione. Al pomeriggio partenza per Karakorum, l’antica capitale dell’ Impero Mongolo di Genghis Khaan. All’arrivo sistemazione al campo turistico nelle tipiche ger: cena e pernottamento.

8° GIORNO

KARAKORUM – BAYANGOBI – HUSTAII NUURU, KM. 280 (B/L/D)

Prima colazione. Karakorum si trova nella provincia di Uvurkhangai aimag. Oggi rimangono solo poche rovine di quella che fu un tempo una splendida città e da queste rovine, nel 1586, fu costruito il Monastero di Erdene Zuu. Nel corso dei secoli il monastero fu distrutto e ricostruito più volte: agli inizi del XX secolo contava più di 600 templi, ma negli anni ’30 venne praticamente distrutto e ne rimasero intatti solo 3 oltre ad un muro di cinta con 108 stupa. Dopo la visita del monastero e delle rovine di Karakorum e e partenza verso occidente per raggiungere la sommità dei monti Khogno Khan e visitare il Monastero Ovgon. Pranzo presso un campo turistico nelle vicinanze. Proseguimento per il Parco Nazionale Hustaii Nuuru. Sistemazione al campo turistico nelle tipiche ger: cena e pernottamento.

9° GIORNO

HUSTAII NUURU – ULAAN BAATAR KM. 130 (B/L/D)

Prima colazione. Al mattino escursione nel Parco, che con il suo ambiente di steppa alberata è l’habitat del cavallo selvatico della Mongolia, i Takhi Prewalsky, progenitori di tutti i cavalli, e di altri animali come i gatti manul e i cervi selvatici. Rientro ad Ulaan Baatar per il pranzo. Nel pomeriggio visita del Museo di Belle Arti Zanabazar, che ospita una splendida collezione di dipinti, incisioni e sculture, tra cui opere dello stesso Zanabazar (1635-1723), monaco buddista e scultore, riconosciuto nel 1640 dal Dalai Lama e dal Panchen Lama come Buddha vivente. In serata cena di arrivederci con spettacolo folkloristico. Pernottamento in hotel.

10° GIORNO

ULANBAATAR – MOSCA - ITALIA (-/-/-)

Al mattino trasferimento in aeroporto e partenza per Milano con volo di linea Aeroflot via Mosca, o con altro vettore IATA con diverso istradamento.

  • Info Documenti

    Documenti Necessari

    Passaporto con almeno 6 mesi di validità residua
  • Info Fuso

    Fuso Orario

    +7 ore rispetto all'Italia
  • Info Visti Tasse

    Visti o Tasse

    necessario prima dell'arrivo nel paese
  • Info Moneta

    Moneta

    Tughrik
  • Info Sanita

    Cosigli Sanitari

    Sono vivamente consigliate le vaccinazioni contro epatite A e B e le vaccinazioni antidifterica, antitetanica e antipolio
  • Info Lingua

    Lingua Ufficiale

    Mongolo

Sistemazione

Hotels 4* e campi tendati

La quota comprende

  • Voli intercontinentali  Aeroflot via Mosca in classe economica, o altro vettore IATA con diverso istradamento: tariffa soggetta a riconferma secondo effettiva disponibilità.
  • Sistemazione ad Ulaan Baatar negli hotel menzionati o se non disponibili altri della stessa categoria su base camera doppia standard (Nota: lo standard degli hotel in Mongolia è inferiore allo standard internazionale)
  • Campi tendati fissi con sistemazione in ger base doppia, con servizi esterni; i migliori esistenti
  • Trattamento indicato nel programma
  • Trasferimenti e visite come indicato nel programma, in autobus, minibus o jeep moderne giapponesi con autista (secondo il numero dei partecipanti).
  • Ingressi  e visite come da itinerario
  • Guide locali e assistenti locali parlanti inglese, italiano se disponibili (Nota: lo standard delle guide in Mongolia è inferiore allo standard internazionale, le guide parlanti Italiano sono generalmente degli studenti e non delle vere e proprie guide professioniste)
  • Acqua minerale durante il Tour
  • Gagdets, etichette bagaglio e documentazione illustrativa varia
  • L’assicurazione per l’ assistenza medica, il rimpatrio sanitario ed il danneggiamento al bagaglio.
  • La polizza Viaggi rischio Zero.

La quota non comprende

  • Le tasse aeroportuali inseribili nel biglietto intercontinentale.
  • Il costo del visto individuale per la Mongolia
  • Eventuali tasse aeroportuali locali da pagare localmente
  • Le bevande (alcoliche, analcoliche, caffè), le escursioni facoltative, eccedenza bagaglio, le mance
  • Gli extra di carattere personale e tutto ciò non evidenziato nella voce “la quota comprende”
  • La quota di iscrizione pari a € 95 per persona
  • Blocco Valuta

come da programma

Periodo di Riferimento

Partenze dal 30 Maggio 2020
al 26 Settembre 2020

Tipologia Viaggio

  • AEREO
  • PULLMAN

Prezzo a Persona

A partire da 2.480,00